200px-Marconi

Tutto nasce con Guglielmo Marconi che, da autodidatta, inventa il telegrafo senza fili segnando l’inizio della telecomunicazione. Il successo del telegrafo ha una grande risonanza, tanto che  Mussolini nel 1937 ne intuisce l’importanza e decide di mettere in commercio la Radio Balilla, un modello di ricevitore a basso costo: l’intento era quello di diffondere la radio a condizioni economiche favorevoli anche alle famiglie meno abbienti. L’elevata diffusione avrebbe consentito una più capillare espansione della politica di regime. In effetti, essa ha rappresentato il primo vero e proprio inizio dell’uso dei media a scopo politico.

images

La Radio Balilla, però, aveva una particolarità: era “tarata” per ricevere solo determinate frequenze. Tale aspetto diviene fondamentale durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, ed infatti molti italiani contrari al Regime Fascista, intuirono che le notizie erano “manipolate”. Mio nonno Michelangelo Serpico era uno di questi che, possedendo una Radio Balilla, ne alterò la gamma di frequenza in ricezione, con la possibilità di ascoltare Radio Londra delle Forze Alleate, ascoltando le notizie non “filtrate”. Ovviamente quello che era un vero e proprio “hackeraggio” del ricevitore era una cosa considerata illegale, tanto che, inizialmente da solo e poi con una ristretta cerchia di persone, le notizie venivano ascoltate in soffitta in gran segreto. E come segno di ribellione “spezzò” il fascio stampato sulla radio…

nonno michelangelo

Qualche leccapiedi del Regime venne a sapere la cosa e la riferì alle camicie nere, i quali arrestarono mio nonno nel 1944. Quando il conflitto mondiale volse al termine, Michelangelo fu liberato ma, ormai malato, morì nel 1945.

Suo figlio Nunzio, mio padre, aveva solo 8 anni.

Fu allora che nacque la passione per la tecnologia e la comunicazione di mio padre. Da piccolo si appassionò anche alla meccanica (si costruì da solo la sua prima bicicletta) e ricordo i suoi racconti di quando era giovane, che lo ritraggono insieme ai suoi compagni a ricevere e trasmettere con tutto ciò che gli capitava, nel misero dopoguerra, anche con reti di materassi da bordo di una zattera in mezzo al mare…

Stadio Collana 1955 Saggio ginnico Stabilimento Ansaldo-001

Era l’epoca dei pionieri della telecomunicazione: libertà di parola e di pensiero, e ovviamente c’erano le radio “locali” : la sera gli ascoltatori si riunivano e venivano inscenate vere e proprie commedie improvvisate (mio padre spesso vestiva i panni di Fortunato, un giovane campagnolo ignorante e genuino….). Ma l’aspetto goliardico era solo un risvolto della sua profonda passione per la tecnologia : fu tra i primi in Italia ad acquisire la licenza ad operare su tutte le frequenze e diventare quindi Radioamatore con il nominativo di I8XYZ: a lui molto cara, questa sigla personale, un vero e proprio “nickname”, fu scelto perché rappresentava le ultime 3 lettere dell’alfabeto.

Libertà e tecnica andavano di pari passo anche nella sua passione per le moto ed i motori: ancora oggi i vecchi amici lo ricordano come “Peppino.. girava sempre in motocicletta….”

Papà

Con il passare del tempo la tecnologia faceva passi avanti e deve essere stata una emozione indescrivibile ascoltare via radio da casa i primi uomini sulla luna e le prime “chiacchierate” dallo spazio…

Il mio ricordo va alle lunghe serate in cui in salotto mio padre chiacchierava con i suoi amici della zona, ma a volte si spingeva anche in collegamenti con l’altra parte del mondo, sfruttando le antenne che non smetteva mai di perfezionare, e la propagazione della atmosfera che “aiuta” i collegamenti lontani (DX). Quando un radioamatore contattava un suo collega, il collegamento veniva “validato” da entrambe le parti, che annotavano data , ora, sigla e qualità del segnale e poi provvedevano a spedire una cartolina via posta come “scambio” dell’incontro: ho una collezione di cartoline da ogni angolo del Pianeta, anche perché, testuali parole, “la sfida è arrivare quanto più lontano possibile, contattare amatori in tutto il mondo, usando la minore potenza possibile. Con centinaia di Watt sono tutti buoni ma con un buon apparecchio, un filo di rame ed una batteria da auto ci riescono in pochi…”

$_35

Intanto arrivarono le immagini e ricordo le numerose serate dei primi anni ’80 in cui mio padre inviava e riceveva immagini in SSTV (una “foto” ogni 7 secondi si andava componendo sul monitor a cristalli verdi..).

Immagine

Ho una bella collezione delle “foto” inviate da mio padre…

IMG-20160527-WA0033

La mia infanzia è un ricordo molto piacevole durante il quale passavo le ore a riparare, smontare e tentare di far partire la vecchia Moto Guzzi Airone di mio padre: dopo ore passate in garage la domenica mattina, sentire quel rombo che segnava il nostro successo era davvero emozionante, così come il giretto-premio del paese. E dopo esserci lavati con la pasta lavamani, si andava su a pranzo e a vedere la Formula Uno…fu un quel periodo che nacque la mia passione per le moto ed i motori.

img-1358699927

La mia gioventù è anche un ricordo fatto di serate con amici di mio padre, veri e propri “nerd” o scienziati pazzi, con laboratori pieni di strumenti elettronici, oscilloscopi, saldatori, componenti elettronici… molti miei coetanei erano in strada a giocare a pallone, mentre io mi divertivo a saldare qualche diodo led con un interruttore su una batteria da 9 V…

IMG-20160527-WA0035

Venne poi l’epoca del Commodore 64, ufficialmente acquistato per studiare o per uso hobbistico, ma poi finito come macchina da videogames…

Il resto è storia relativamente recente… si è passato ai Personal Computer : ricordo quando mi iscrissi ad Ingegneria, mio fratello mi regalò il suo PC con il quale disegnai con punto per punto la Ferrari n°27 di Jean Alesi: ero pronto per AutoCAD.

640x534xsshot2321.png.pagespeed.gp+jp+jw+pj+js+rj+rp+rw+ri+cp+md.ic.XBiadTNLN2

E da li sempre a braccetto videogames, grafica, auto etc fino ad alla metà degli anni ’90. Ero ancora fermo alle BBS, quando andai a casa di mio fratello, che fu tra i primissimi ad averlo, e gli chiesi “che cosa è Internet? E lui mi rispose:” E’ come un giornale”, facendomi vistare dal suo pc il mio primo sito: http://www.ferrari.com.

Da allora si è avuta una spinta alla volontà di conoscere il funzionamento delle cose, la laurea in ingegneria, il bevetto di Radioamatore, autodidattica on-line grazie ai siti di appassionati ed ai forum, oltre a quella di comunicare con le chat mIRC e poi le videoconferenze ed i giochi in Multiplayer….iPad… Smartpone..

Tutto questo oggi è nel palmo della nostra mano.

whatsapp-facebook

I social network danno a chi lo controlla, oggi come 80 anni fa, un’enorme potere, per questo invito chiunque a riflettere ed agire conoscendo meglio il mezzo adoperato. Prima Berlusconi con la TV, poi Casaleggio etc adesso Renzi con facebook e carta stampata…

renzulini

Adesso siamo a Facebook e Whatsapp, che mi ricordano tanto quello che vedevo fare a mio padre quando ero piccolo… viaggiare liberi in moto, divertirsi nel condividere le proprie passioni con altre persone interessate… sempre col ricordo dello sguardo sognatore di mio padre che forse non avrà viaggiato tanto, ma era sempre pronto a partire per qualsiasi destinazione: “tutto quello che la mente umana può pensare si può realizzare: è solo una questione di tempo.”

smartphone-tablet

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...